RISVEGLIO DAL SOGNO PLANETARIO (EBOOK IN INGLESE, GRATUITO)

Ho tradotto il primo volume della mia trilogia, ma a differenza del volume origina (italiano), questa versione (inglese) contiene la metà dei capitoli (20 capitoli invece di 40).

In compenso la versione inglese (in pdf) è gratuita.

La potete trovare in questo link: https://truthrightinyourface.blogspot.com/2019/02/awakening-from-planetary-dream-firts.html

Gli indizi del sogno sono presenti dappertutto; avresti dovuto o almeno potuto riconoscerli prima – MARK TWAIN

 

Il seguente brano è tratto dal capitolo 11 del libro “Lo Straniero Misterioso” di Mark Twain

Il personaggio di nome Satana non si riferisce a quello della religione cristiana ma è soltanto un nome fittizio dato ad personaggio che nel racconto di Twain rappresenta un messaggero di un sapere talmente forte e profondo da essere stato occultato dalla mente ordinaria.

Per quasi un anno Satana ha continuato queste visite, ma alla fine è venuto con meno frequenza. Questo mi ha reso più solitario e malinconico. Sentivo che stava perdendo interesse per il nostro piccolo mondo e potrebbe in qualsiasi momento abbandonare completamente le sue visite. Quando un giorno finalmente venne da me, ero molto felice, ma solo per un po’. Era venuto a dire addio, mi ha detto, e per l’ultima volta. Aveva investigato ed esplorato ogni angolo dell’universo, e questo lo avrebbe tenuto occupato fino al suo prossimo ritorno.

“E tu stai andando via, e non tornerai più? ”
“Sì,” ha detto. “Abbiamo chiacchierato a lungo insieme, ed è stato piacevole per entrambi; ma devo andare ora, e non ci vedremo più. ”
“In questa vita, Satana, ma in un altra si? Ci incontreremo in un altra vita, vero? ”

Poi, tutto con tranquillità e sobrietà, mi ha dato una strana risposta, “non c’è nessun altra vita. ”
Una sottile influenza soffiò sul mio spirito dal suo, portando con sé una vaga, fioca, ma benedetta e fiduciosa sensazione che le sue parole incredibili potrebbero essere vere.
“Non hai mai sospettato questo, Theodor? ”
“No. Come potevo? Ma come può essere vero ciò che dici…? ”
“È vero. ”
Una raffica di gratitudine fiorì nel mio petto, ma subito emerse un dubbio mai sorto prima, e ho detto, “ma poco fa abbiamo visto la probabile vita futura”

“È stata soltanto una visione – non aveva alcuna esistenza. ”
Riuscivo a malapena a respirare per la grande speranza che mi stava circondando. “Una visione? –una vi… ”
“La vita stessa è solo una visione, un sogno. ”
Era elettrizzato. Oh mio Dio! Avevo avuto quel pensiero mille volte durante le mie riflessioni!

“Nulla esiste; tutto è un sogno. Dio, l’uomo, il mondo, il sole, la luna, il deserto, le stelle… sono un sogno, tutto un sogno; non hanno alcuna esistenza. Nulla esiste salvo lo spazio vuoto e tu!
“Io!”
“E tu non sei tu, non sei il tu che credi di essere -non sei il corpo, né il sangue, né le ossa, tu sei solo un pensiero. Io stesso non ho alcuna esistenza; io sono solo un sogno- il tuo sogno, una creatura della tua immaginazione. In un attimo avrai realizzato questo, poi verrò escluso dalle tue visioni e io mi dissolverò nel nulla da cui tu mi hai fatto… Sto morendo già adesso – sto crollando – sto passando via, mi sto dissolvendo. In poco tempo rimarrete soltanto tu e lo spazio vuoto. A te rimarrà solamente un pensiero, l’unico pensiero davvero esistente, dalla natura inestinguibile, indistruttibile. Mentre io, il tuo povero servo, ti ho rivelato a te stesso, ho rivelato la tua vera natura e così ti ha reso libero. D’ora in avanti puoi sognare altri sogni, migliori di questo!
Strano! che tu non abbia sospettato già anni fa – secoli, millenni fa! – di questo sapere. Te ne saresti dovuto accorgere perché sei sempre esistito, senza compagnia, attraverso tutte le eternità. Strano! che tu non abbia sospettato che il tuo universo e il suo contenuto fossero solo sogni, visioni, finzione!

Strano, perché questi contenuti sono così francamente e istericamente folli- proprio come tutti i sogni…
Tu percepisci, ora, che queste cose che ti circondano in questo mondo sono tutte possibili soltanto in un sogno. Percepisci che si tratta di fantasie puerili, allucinazioni, creazioni di un’immaginazione che non è consapevole delle grottesche illusioni -in una parola, percepisci che sono un sogno, e tu sei il creatore di esso. Gli indizi dei sogni sono presenti dappertutto; avresti dovuto o almeno potuto riconoscerli prima.

Fidati, è vero, quello che ti ho appena rivelato; non c’è Dio, nessun universo, nessuna razza umana, nessuna vita terrena, nessun paradiso, nessun inferno. È tutto un sogno – un sogno grottesco e decisamente sciocco. Non esiste nulla, eccetto te stesso. E tu sei solo un pensiero – un pensiero ambulante, un pensiero vuoto, un pensiero vagabondo senzatetto, che vaga nella vacua eternità!”

Dopo questa rivelazione scomparve, e mi lasciò sgomento; perché sapevo, e avevo ben capito, che tutto quello che aveva detto era vero.

FATTI METTERE K.O. DAI COLPI DELLA VERITA’, LASCIA CHE I SOGNI VENGANO TUTTI DISINTEGRATI DAL COLPO DEL RISVEGLIO

Un semplice, piccolo, unico colpo della Realtà-Verità-Risveglio può sbriciolare l’intero universo in cui la mente ordinaria crede di vivere e polverizzare il corpo in cui l’io crede di risiedere.

Non si tratta di scansare i ‘duri colpi della Realtà’, ma di non opporre inutile resistenza ad una serie di colpi che stanno puntando dritto al bersaglio: il senso dell’io.

Non si tratta di scansare lo ‘spietato colpo della Verità’, ma di non controbattere ad un colpo che andrà a disintegrare tutto ciò che vi si oppone: la credenza in qualunque illusione.

Non si tratta di scansare il ‘micidiale colpo del Risveglio’, ma di non tentare di arrestare un colpo inarrestabile che farà collassare qualsiasi sogno.

SOGNI AD OCCHI APERTI

Il cervello è una perpetua macchina sognatrice a circuito chiuso.
In questo esatto momento sta fabbricando i vostri mondi sensoriali così come ogni notte fabbrica i vostri mondi onirici. Il sogno procede senza interruzione: di notte sognate ad occhi chiusi, di giorno sognate ad occhi aperti.
Il fatto che un cadavere abbia gli occhi aperti non significa che sia vivo, così il fatto che i vostri occhi siano aperti non sta ad indicare che siete davvero svegli o che vi trovate al di fuori del sogno collettivo.
Anche di fronte all’evidenza, molti di voi non avrebbero mai il coraggio di ammettere che la propria esperienza sottostà a continui fenomeni allucinatori. Sareste in grado di imputare le allucinazioni a chi è recluso in un ospedale psichiatrico ma difficilmente ammettereste che voi stessi siete vittime di allucinazioni quotidiane… sarebbe uno scenario scioccante e inaccettabile per la maggioranza delle persone.

TRATTO DA RISVEGLIO DAL SOGNO PLANETARIO, vol. 1

PREFAZIONE ‘ TRILOGIA RISVEGLIO’ di ZeRo

 

 

Questo libro è nato per gioco da un corso di Risveglio improvvisato all’interno di un mio gruppo Facebook che si chiamava “Risvegliarsi dal sogno collettivo dell’umanità”.
Il gruppetto che seguivo non era lì per trastullarsi con i selfie, bensì aveva espresso una precisa esigenza in risposta alla quale offrivo loro del materiale di lavoro.

Nel vostro caso cosa voglio trasmettervi con questo libro?
Se dovessi essere pedante direi che non può esserci trasmissione perché tutto si trova già in voi.
Da un punto di vista estremamente ampio non è mai avvenuta alcuna trasmissione iniziatica di lignaggio in lignaggio, nessun passaggio di energia sacra da Maestro a discepolo.
Tuttavia, se dovessi trasmettervi una sola sensazione opterei per ‘infinita leggerezza’.
Se dovessi scegliere un concetto direi ‘il niente’.
In poche parole vorrei trasmettervi l’infinita leggerezza del niente.

Avrete la forza di sostenerla?
Vedremo…

Uno degli obiettivi del libro sarà quello d’instradarvi verso lievi e significative variazioni nel vostro modo di percepire e di concepire voi stessi, il mondo, i sogni, la Realtà.
Per alcuni di voi un capitolo potrebbe richiedere un paio di letture più approfondite, una lezione potrebbe essere più significativa di un’altra, un esercizio potrebbe risultare più efficace di un altro.
Starà a voi orientarvi con un briciolo di buon senso.

Ricordatevi che il problema non è trovare le risposte (quelle vi vengono vendute o regalate a iosa dai dispensatori di verità). Il problema è affrontare a muso duro LA RISPOSTA, la quale – che ci crediate o meno – è uguale per tutti (umani, alieni, angeli, demoni). Quella vera risposta – che non è verbale o scritta – distrugge tutte le domande, fa piazza pulita di tutti i concetti che riempiono la vostra capoccia.
Le altre risposte (spiegazioni filosofiche, scientifiche o metafisiche) aggirano o insabbiano quell’unica risposta. Servono a procrastinare l’incontro con Lei, la verità, la Realtà, il silenzio, la risposta ultima (che non sarà una consueta risposta bensì la fine del domandare e quindi del rispondere).
Non potete nascondervi per sempre dietro l’intelletto e rimandare continuamente l’incontro con Lei!

Alla fine, quando …

[fine anteprima Prefazione ‘Risveglio dal sogno planetario’ – Vol. 1]

 

 

 

 

 

 

SUL -RISVEGLIO

Post di ZeRo

Ho notato che c’è non poca confusione sul fronte Risveglio.
Alcuni di voi scambiano il Risveglio per qualcosa che non ha niente a che fare con il Risveglio.
Il Risveglio è inequivocabile, non potete confonderlo con qualcosa d’altro.
Potrei dirvi che il Risveglio non vi riguarda affatto e che non riguarda neppure l’esperienza personale ma so che poi verrei frainteso.
Visto che alcuni di voi credono che vi riguardi di persona, e non è così, facciamo una statistica per indovinare quante probabilità avete.
Per farvi capire quanto è raro facciamo una stima basata sulle seguenti ipotesi.
Se vi dicessi che è più facile vincere tre volte di fila alla lotteria che Risvegliarsi?
E se vi dicessi che sui milioni di abitanti che ci sono in Italia, il Risveglio è accaduto, diciamo coì, solo ad una manciata?
E se vi dicessi che sugli 8 miliardi della popolazione mondale, soltanto un centinaio o un migliaio – per esagerare – possono rientrare tra quelli in cui c’è stato il Risveglio?

Sarei stato abbastanza chiaro con queste statistiche?
Credereste ancora che il Risveglio sia una cosa da tutti?
Potreste essere uno di quei fortunati?

Prima di rispondere guardatevi dentro, guardate la confusione, il caos, la poca chiarezza, l’assenza di libertà, l’assenza di spensieratezza, l’assenza di silenzio interiore, l’assenza di pace interiore ma sopra ogni cosa l’assenza di disincanto… insomma guardate come siete messi al momento e poi provate a rispondere con sincerità.
La risposta la sappiamo tutti.
La vostra condizione (interiore) parla da sola.

Ah no aspettate, c’è il la domandona finale.
Se si facesse il seguente sondaggio: “preferireste il Risveglio o vincere tre volte di fila alla lotteria?”
Quanti, secondo voi, sceglierebbero il Risveglio?
Ora capite perché non è una cosa da tutti?

Naturalmente queste statistiche sono totalmente fittizie, inattendibili, servono solo a farvi capire di cosa parlo in questa bacheca quando mi riferisco al Risveglio.
La statistica era volutamente pessimistica, per disilludervi dalla convinzione che il Risveglio sia ciò che pensate, immaginate o supponete.

Dai commenti che ho letto posso dichiarare quasi con certezza matematica che quasi nessuno ha le idee chiare. E con delle statistiche del genere non potrebbe essere altrimenti. Non è colpa vostra. In fondo sembra quasi che l’universo cospiri contro il vostro Risveglio… O voi cospirate contro il vostro stesso Risveglio. In un certo senso è così, ma questo è un altro discorso.
– Vedi P.S.1

So che non è colpa vostra se avete la testa piena zeppa di nozioni distorte e se avete il corpo pieno di impressioni positive o negative. So che non è colpa vostra se utilizzate queste impressioni fuorvianti come parametri per valutare il Risveglio.
So anche che il mercato spirituale vi ha fatto un bel lavaggio del cervello mescolando concetti come anima, energia sacra, beatitudine, etc.
Questo però non giustifica niente.
So che commenterete aggiungendo la vostra ‘idea’ di Risveglio basata su ciò che avete letto, sentito, immaginato, sognato. In tal caso vi anticipo che ciò che andrete a scrivere, nel 99,9% dei casi, non ha niente a che fare con il Risveglio. Ma c’è anche lo 0.1% di probabilità che qualcuno scriva qualcosa di attinente all’argomento.
Riguardando le statistiche, anziché sprecare tempo con il Risveglio, compratevi piuttosto dei biglietti della lotteria e se vincete (il che è più probabile del Risveglio) fatevi un bel ritiro spirituale alle Hawaii e godetevi la vita.
Lasciate perdere il Risveglio. Non vi darà niente di quello che sicuramente vi state aspettando.

P.S. 1
Se dovessimo mettere l’intera questione in termini di scelta potremmo dire che la mente ordinaria sarebbe naturalmente portata a lottare contro il Risveglio, a posticiparlo, a svalutarlo e a difendere tutto il resto:
difendere le impressioni
difendere le sensazioni
difendere i pensieri
difendere le esperienze
difendere i sogni

Quel che vi sfugge è che per sogni non si intendono i sogni notturni ma quelli diurni, quelli che chiamate esperienze. Voi difendete continuamente – senza mai accorgervene – il sogno in cui siete immersi. Lo difendete perché non sapete da cosa è composto, come funziona, quali sono le sue caratteristiche.

P.S. 2
Il tono acido e provocatorio non è casuale, ovviamente.
Sapete che quel tono era riferito al ridicolo personaggio con cui – sicuramente – siete identificati.
La mia intenzione naturalmente non è quella di convincervi della veridicità di ciò che ho scritto. Vi ho soltanto offerto un punto di vista alternativo per inquadrare il Risveglio all’interno di una cornice più ampia. Ciò che poi farete con questa cornice sono solo fatti vostri.
Io mi limito a fare l’addetto ai servizi che distribuisce delle news – in questo caso brutte news – ai lettori di questa bacheca. Se queste brutte news non vi piacciono potete cambiare testata giornalistica.