ZERO APPUNTI

Appunti per la stesura della seconda trilogia di Zero, “Mente Vuota in Corpo Pieno”:

Tante ore di meditazione, mesi di rituali, anni di pratica e alla fine scopri che il non-pensiero non era il punto di arrivo bensì il punto di partenza… il punto zero!

Non ti sei mai spostato dal punto di partenza… hai soltanto sognato di muoverti in tutte le direzioni e di raggiungere diversi punti di arrivo.

Non ti sei mai allontanato da Casa… hai solo avuto l’impressione di allontanarti e di dimenticare la strada.

Non hai mai lasciato la Realtà… hai solo avuto un’allucinazione, l’allucinazione di vivere in una tua realtà separata; l’allucinazione di aver trasceso una realtà inferiore; l’allucinazione di aver raggiunto una realtà superiore.

Non hai mai fatto niente… hai solamente sognato di fare di tutto.

LA FINZIONE RICHIEDE UNO SFORZO INCESSANTE

 

Quanti sforzi sono richiesti ad una rosa per essere una rosa?
Quanti sforzi deve fare per mantenere il suo aspetto e la sua fragranza?
Nessuno sforzo!

E tu invece quanti sforzi fai per essere chi sei, anzi per fingerti ciò che non sei?
Quanti sforzi fai per mantenere un buon profilo sociale, per eccellere, per renderti sempre più attraente, simpatico, visibile, riconosciuto?
Ma soprattutto quanti sforzi dovrai ancora sostenere prima di accettarti per quel che sei?

Tutti i tuoi sforzi derivano in primo luogo dall’aver negato o dimenticato la tua autentica identità.
In secondo luogo i tuoi sforzi derivano dal voler mantenere in piedi una falsa identità.
La tua vera identità è come la rosa: non richiede sforzi per essere ciò che è.
La tua identità fittizia invece richiede costanti sforzi per apparire diversamente da ciò che è.
E ovviamente questi sforzi inutili porteranno solo ad un unico risultato: la sofferenza.
Non tanto una sofferenza fisica o sentimentale, bensì una sofferenza più profonda, una sofferenza esistenziale che ti accompagnerà fino a quando continuerai a fingere di essere ciò che non sei.

Tra l’altro un conto è fingere di tanto in tanto, rimanendo consapevoli della finzione; un altro conto è fingere dimenticandosi della finzione e scambiandola per realtà.

La brutta notizia è che la finzione incessante richiede uno sforzo estenuante!

La buona notizia è che alla fine anche tu ti stancherai della finzione…

(Ze Ro, Senza io si vive da Dio… libro in fase di stesura)

TRADURRE = TRADIRE

-.

Tradurre -> Tradire
Traduzione -> Tradizione

Tradurre l’esperienza diretta in pensieri o parole significa tradire l’esperienza stessa.
Le Tradizioni sono una forma di tradimento – traduzione di ciò che non è traducibile.

Più è sacra la Tradizione in cui hai fede, più è forte il tradimento in cui sei coinvolto.

Quando pensi stai traducendo e di conseguenza tradendo.
Siamo abituati a tradire tutto e tutti proprio perché pensiamo continuamente a tutto e tutti.

Prova a non tradire… Prova a non tradurre.
O per lo meno prova a non credere più alle traduzioni (tradizioni e tradimenti) della tua mente.

(ZeRo)

PANTOMIMA UMANA

Quando vedi lucidamente la pantomima umana e ne riconosci i meccanismi sottostanti, ti rendi conto che non devi più essere il padre perfetto, la madre premurosa, il figlio educato, lo studente modello, il lavoratore instancabile, l’amante passionale, l’amico simpatico, l’opinionista di facebook, il terapeuta miracoloso, il praticante disciplinato, il discepolo devoto, il maestro compassionevole.

Lascerai lentamente andare il copione che ti hanno insegnato a recitare, poi passerai un po’ di tempo improvvisando qualche altro ruolo marginale che ancora non hai recitato, infine smetterai di fingerti ciò che non sei e ti defilerai in punta di piedi dal teatrino umano, osservando con leggero distacco e un pizzico di stupore l’intera sceneggiatura in cui prima eri completamente coinvolto.

(ZeRo)

COSCIENZA IN VIA DI RISVEGLIO

20479451_1512171232182965_6757732225536618265_n

Alla fine, comunque, il tuo malcontento nel rimanere nello stato di coscienza incantata dal sogno planetario e soprattutto la determinazione nel rompere l’incantesimo avrà la meglio sulla paura di aprire i tuoi veri occhi.
Allora, con molta probabilità, sarai in grado di intraprendere il passaggio da coscienza addormentata a coscienza in via di Risveglio.